La Pieve e la nuova Chiesa di Santa Giustina

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Pieve di Santa Giustina è stata la Chiesa parrocchiale del paese di Montegalda fino al 1950, anno in cui venne consacrata la nuova Chiesa. La Pieve sorge su una piccola collina di fronte al castello Grimani-Sorlini, in territorio vicentino, ma da sempre appartiene alla Diocesi di Padova.
Le prime fonti scritte che citano la presenza di questa Chiesa risalgono al 900 e la sua esistenza in qualità di Pieve è documentata a partire dall'anno 1077. Con la diffusione del cristianesimo, il termine "pieve", identifica uno specifico territorio caratterizzato da un insieme di fedeli intorno ad una Chiesa principale. Le "Pievi" erano dotate di battistero e svolgevano particolari funzioni liturgiche quali: battezzare e seppellire i propri defunti e i fedeli avevano l'obbligo di corrispondere le decime.
Nonostante le modifiche subite nel corso dei secoli, la Pieve di S. Giustina ha mantenuto la struttura originale medievale, formata da un'unica navata con tre absidi, una centrale principale e due laterali minori. L'altare maggiore era arricchito da una pala di Giambattista Maganza, raffigurante il martirio di S. Giustina; ora conservata nella nuova Chiesa parrocchiale. Nella Chiesa parrocchiale di S. Giustina di Montegalda, il visitatore si stupisce per il grandioso ciclo di affreschi, del presbiterio, del coro e della sottostante cripta, eseguiti tra il 1998 e il 2000 dal pittore rumeno iconografo Mihail Ivanov; un'apoteosi di figure di santi e scene della vita di Cristo, in un bagliore di colori e luci, nelle forme della iconografia orientale, quasi un ponte tra due civiltà e due culture. Importanti sono i due affreschi laterali espressione della cultura locale, realizzati dal Modolo.
Chiesa di S. Zenone a Colzè
L’attuale Chiesa Parrocchiale di Colzè fu edificata sullo stesso luogo di quella precedente risalente al 1330, con l’altare maggiore dedicato a S. Zenone, e quelli laterali alla Madonna ed al Sacro Cuore. L’abside è affrescata da L. Buffetti, mentre gli altri affreschi sono stati effettuati da L. Soppelsa nel 1943-45; notevole l’acquasantiera in marmo. Il campanile a fianco della Chiesa si alza per 58 mt con una base 4x4 mt che termina con la statua della Vergine Immacolata alta 5 mt; il vecchio campanile costruito nel 1905 è stato restaurato nel 2006.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>